"IL MIO LUOGO DEL CUORE IN 6 MOSSE" - BLUEBERRY STORIES E AMSTERDAM

Continua la nostra rubrica dove i blogger ci raccontano il luogo nel mondo che li ha colpiti di più, presentandolo in "6 mosse", cioè le 6 caratteristiche salienti che lo rendono speciale.

 

Oggi ospitiamo Ilenia, del blog "Blueberry Stories".

 

Mi chiamo Ilenia e, da sempre, amo le storie. Quelle raccontate nei libri, nei film, nelle serie tv, soprattutto se ambientate nel passato o in mondi fantastici. Ma anche quelle che si scoprono viaggiando ed entrando in contatto con culture diverse, con luoghi ricchi di storia o paesaggi maestosi. Per raccogliere alcune di queste storie ho aperto un blog, Blueberry Stories.

Tanti sono i posti che mi hanno conquistata, ma ho scelto di parlare di Amsterdam perché unisce in sé tre elementi per me fondamentali: spirito nordico, storia e spazi verdi in città.

1. Case antiche, case moderne

Amsterdam ha un’atmosfera fiabesca.

Come Venezia, è una città d’acqua, un mosaico di canali attraversati da ponti, di riflessi e immagini speculari. Il centro è caratterizzato dalle tipiche case alte e strette, spesso storte, perché il fondo sabbioso le fa lentamente sprofondare. Le vie che si snodano attorno a Damrak e alla Westerkerk, la maestosa chiesa in stile rinascimentale, sono un affascinante labirinto in cui passeggiare, tra negozietti e caffè in stile nordico.

Nel cosiddetto quartiere dei musei, invece, le dimore sono più imponenti, lussuose, con quel contrasto tra i mattoni rossi e gli inserti bianchi che ricorda Londra. Se poi si esce dal centro e si procede verso il mare e Strand IJburg (la spiaggia cittadina) le case storiche lasciano il posto ai palazzi moderni, tipici esempi di architettura nordica contemporanea. Amsterdam è una magica combinazione di fiaba e modernità, accumulo e ordine, acqua e terra.

2. Fascino verde

Amsterdam ha dei meravigliosi spazi verdi.

Il mio preferito è Vondelpark, il grande parco situato nel quartiere dei musei e circondato dalle case signorili che si affacciano sulle vie tranquille di Willemspark. Gli olandesi amano passeggiare, correre, mangiare, fare yoga sull’erba, ma anche sonnecchiare o bere una birra in riva al laghetto, non appena spunta il sole.

Nella zona est, invece, si può trascorrere qualche ora nel verde di Oosterpark, dell’orto botanico e del Funenpark. E a ovest si estende Rembrandtpark, con i suoi laghetti e i prati curati.

Dai parchi ai mercati di fiori: chi va ad Amsterdam, di solito, finisce per fare un giro al Bloemenmarkt, dove si comprano i bulbi di tulipani.

3. A zonzo per musei

Quando piove – e ad Amsterdam piove spesso – non c'è niente di meglio che trascorrere il pomeriggio in un museo.

Oltre al ben noto Van Gogh Museum, che raccoglie le opere del pittore olandese, tanti sono i musei da visitare in città. Chi ama l’arte moderna e contemporanea vorrà esplorare lo Stedelijk Museum, mentre chi è interessato al passato si può immergere nella storia e nella cultura del Paese visitando il maestoso Rijksmuseum.

Nel cuore della città, la Casa di Anna Frank conserva le emozioni e i ricordi legati alla storia della giovane e coraggiosa autrice del celebre Diario.

4. Un senso di libertà

Basta guardare le persone sedute lungo i canali nelle sere d’estate, a piedi nudi e con un piatto di carta in mano, per capire come mai Amsterdam attiri a sé tanti giovani. Si respira aria di libertà, si ha l’impressione che a nessuno importi di come sei vestito, cosa mangi, con chi trascorri il tempo, che lavoro fai. Qui si lavora per vivere, non il contrario. E l’opinione altrui conta poco. Nessuno si aspetta che tu faccia qualcosa di straordinario o abbia successo nella vita.

L’altra faccia della medaglia è che si respira un certo disinteresse per quel che accade nel mondo, ma anche al vicino di casa che magari ha bisogno di aiuto.

5. Una città sicura

Anche se viaggi da solo, ad Amsterdam non ti sentirai in pericolo. Nemmeno la sera, neppure nelle vie deserte. Gli abitanti sfrecciano in bicicletta a ogni ora del giorno e della notte e i mezzi pubblici si possono prendere a cuor leggero.

La sensazione di non doversi guardare attorno con ansia lascia la mente sgombra e lo sguardo libero di godersi il panorama.

Semmai, bisogna fare attenzione ai ciclisti: mai attraversare le piste ciclabili senza controllare che non arrivino a tutta velocità...

6. Ode alla lentezza

Amsterdam permette di riscoprire la lentezza. Nessuno ti mette fretta, nessuno suona il clacson con impazienza, nessuno si affanna a cercare un riparo se si mette a piovere. Non serve agitarsi, la pioggia non fa nulla. E stressarsi è inutile, oltre che dannoso.

Nelle classifiche delle città più felici al mondo, Amsterdam è sempre nelle posizioni alte e uno dei motivi è la capacità di godere delle piccole cose. Gli abitanti si adattano al clima, non sono troppo ambiziosi né competitivi e adorano mangiare un panino lungo il canale, quando non piove. E dopo qualche ora ad Amsterdam, viene voglia di fare come loro.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.