VISITA ALL'ABBAZIA DI NOVACELLA, TRA STORIA, SPIRITUALITÀ E GRANDI VINI

Tra le montagne dell'Alto Adige, nelle vicinanze di Bressanone, si trova il comune di Varna, in provincia di Bolzano. Questo piccolo paesino ospita l’Abbazia di Novacella, una delle più importanti abbazie del nord Italia e dell’Arco Alpino.

Un luogo dove la grande spiritualità si affianca ad un'importante produzione vinicola, gestita dal’ordine degli Agostiniani da circa nove secoli. La produzione di vino in Abbazia risale al 1142 e vanta una fama internazionale. Tra i bianchi spiccano Sylvaner, Müller Thurgau, Gewürztraminer; tra i rossi invece si possono trovare Lagrein, Pinot Nero e Moscato Rosa.

Ma l’Abbazia è non è solo famosa per i suoi vini: il suo grandioso complesso di edifici religiosi e civili, in cui si intreccia un insieme di stili architettonici, dal romanico al tardo barocco, è una bella occasione di visita, per immergersi nella storia di questo luogo.

L’Abbazia di Novacella fu fondata dal Vescovo di Bressanone Hartmann nel 1140 e divenne presto un fiorente centro culturale e spirituale, oltre ad un importante crocevia di pellegrini da tutta l'Europa. Nei secoli ha subito cambiamenti strutturali e ha trascorso periodi più floridi e altri più difficili, ma ancora oggi è un centro religioso e culturale molto attivo, dove vive una comunità di monaci agostiniani.

La parte principale è costituita dalla zona interna fortificata, alla quale si accede liberamente tramite un piccolo ponte coperto, è costituita da edifici che risalgono ad epoche e stili differenti: spiccano lo stile romanico, gotico, barocco e rococò altoatesino.

Al centro del cortile principale dell’Abbazia si trova il pozzo rinascimentale, detto “Pozzo delle meraviglie”, poiché sovrastato da un’edicola ottagonale sui cui lati sono raffigurate le sette meraviglie dell’Antichità, più un’ottava, l’Abbazia stessa.

Il complesso monastico interno è visitabile con tour guidato o in autonomia. Le aree aperte al pubblico sono quelle del museo, del chiostro e della basilica.

Percorrendo le sale interne del museo è possibile ammirare alcune opere d'arte religiosa della seconda metà del '400.

La grande biblioteca del monastero si distribuisce su due piani e raccoglie manoscritti, codici e circa 65.000 volumi a stampa.

Accanto al monastero si trova la Chiesa di Santa Maria Assunta, con struttura romanica a 3 navate e stile barocco. Sul lato sinistro della chiesa si può scorgere un piccolo e ordinato cimitero.

L'interno della chiesa  è caratterizzato da colori pastello e spazi luminosi. Sul soffitto sono stati realizzati ben 365 angeli, con lo scopo di accompagnare il fedele nella sua vita uno per ogni giorno dell’anno.

Esternamente alle mura si trova la cappella di San Michele, un edificio a pianta circolare di epoca romanica, che si narra essere stato costruito dai Cavalieri Templari. Questa costruzione è detta “Castello dell’Angelo“, proprio come quello di Roma, al quale si sono ispirati i costruttori.

Dopo la visita è d'obbligo una tappa nella Cantina Mescita dell’Abbazia, dove degustare e acquistare i prodotti vinicoli di eccellenza, per il 70% bianchi, per il 30% rossi, entrambi distinti in linea classica e Praepositus, la selezione più pregiata.

Una volta al giorno è anche possibile partecipare ad una visita guidata dei vigneti, a cui segue una degustazione di 4 vini dell'Abbazia.

L'Abbazia di Novacella di trova a Varna, in via Abbazia 1.

Gli orari di apertura sono dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 17.

L'ingresso e le visite guidate sono a pagamento, con riduzioni per bambini e gruppi.

QUI il racconto della nostra visita al Museo Archeologico dell'Alto Adige.

QUI i nostri suggerimenti per mangiare senza glutine in Alto Adige, a Bolzano e dintorni.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.