GIAPPONE SENZA GLUTINE: CONSIGLI GENERALI E LA NOSTRA ESPERIENZA CON GLUTEN FREE TOURS JAPAN

Il Giappone apparentemente è un Paese dove i celiaci non hanno vita facile e mangiare senza glutine può sembrare veramente complicato.

Questo in parte è vero, non si può negare. La celiachia non è una condizione molto diffusa in Giappone e per questo motivo, oltre alla difficoltà di comunicazione, è difficile incontrare qualcuno che comprenda appieno queste esigenze alimentari.

Però non disperate amici celiaci, con alcuni accorgimenti e aiuti è possibile vivere un bellissimo viaggio in Giappone, con tranquillità anche dal punto di vista gluten free.

Dopo esserci documentati un po' sulla situazione relativa al cibo senza glutine in terra nipponica, abbiamo deciso di affidarci a Gluten Free Tours Japan, un supporto che si è rivelato davvero efficiente e prezioso durante il nostro viaggio.

Hiroshi e Meaghan, i titolari di questo servizio a pagamento, sono in grado di offrire due opzioni per un viaggio senza glutine in Giappone:

  • possono costruire un tour autonomo in base ai tuoi interessi e includere opzioni per mangiare ogni giorno senza glutine a pranzo e cena nelle zone comprese nell'itinerario;

  • possono lavorare con il tuo tour di viaggio pianificato e trovare ristoranti per te ogni giorno sul percorso del tuo itinerario.

Noi abbiamo scelto questa seconda opzione, avendo già organizzato il nostro itinerario in autonomia.

Abbiamo comunicato a loro le tappe del nostro viaggio e loro in loco ci hanno fornito un'assistenza diretta e continua: ad ogni pasto ci indicavano via Whatsapp dove potevamo recarci a mangiare, chiamavano il ristorante, indicavano le opzioni senza glutine (eventualmente chiedendo modifiche ai piatti) e davano disposizioni per evitare la contaminazione, poi ordinavano per noi o ci davano le indicazioni per farlo da soli. Di fondamentale importanza è avere una connessione internet sempre attiva, per poter comunicare costantemente, per ricevere indicazioni, consigli, indirizzi, inviare le foto dei piatti che vengono serviti e avere conferma che tutto è ok prima di consumare il pasto.

Abbiamo potuto assaggiare piatti e mangiare in luoghi che non ci saremmo mai aspettati. Un servizio davvero speciale, che consigliamo assolutamente. 

La loro forza risiede nella conoscenza della cucina locale (Hiroshi è giapponese ed è uno chef) e del glutine nascosto negli ingredienti utilizzati, con una rete di ristoranti piuttosto estesa, anche in zone non prettamente turistiche. Si tratta prettamente di locali che non si occupano nello specifico di cucina senza glutine, ma che seguono scrupolosamente le direttive di Hiroshi, preparando piatti con ingredienti gluten free, in modo da evitare anche le contaminazioni.

Avendo espresso la nostra intenzione di dedicarci prevalentemente alla cucina tradizionale giapponese, ci sono stati proposti quasi sempre ristoranti con specialità locali di vario tipo, dalla carne, al pesce, ai piatti vegetariani.

Al momento della prenotazione del servizio, viene chiesto di compilare un dettagliato questionario su abitudini alimentari, preferenze, orari preferiti e budget, in modo che loro possano strutturare una proposta già prima della partenza, aggiustandola poi in corso d'opera. 

Abbiamo avuto la possibilità di mangiare in locali di diverso genere, da quelli più semplici e alla mano, a quelli invece più eleganti e con proposte speciali, come ad esempio lo shabu shabu di pesce e la pregiatissima carne di Kobe, assolutamente da assaggiare almeno una volta se siete amanti della "ciccia".

La cucina giapponese non è decisamente famosa per i suoi dolci, ma grazie al supporto di Gluten Free Tours Japan abbiamo anche potuto assaggiare qualche specialità, tra cui i mochi e altri dessert tradizionali a base di fagioli.

Con l'assistenza di Hiroshi e Meaghan siamo anche riusciti ad organizzare a Kyoto un corso di cucina giapponese, dove abbiamo imparato a preparare un ricco e gustoso bento, tutto con pietanze senza glutine! Tempura, pollo teriyaki, spinaci al sesamo, qualche roll di sushi e zuppa di miso. Un'esperienza davvero speciale e indimenticabile.

Vogliamo inoltre segnalare alcuni suggerimenti generali per chi ha la necessità di mangiare senza glutine in Giappone.

  • molto importante è portare sempre con sé una Gluten Free Card in giapponese (scaricabile QUI), da far leggere nei ristoranti, in modo da far sapere la necessità di evitare i cibi che possono contenere glutine;

  • portate una bottiglietta di salsa di soia senza glutine da casa, può essere molto utile e difficilmente la troverete come condimento nei ristoranti;

  • se vi piace, il pesce crudo può essere una buona soluzione per mangiare senza glutine, può essere servito da solo sotto forma di sashimi, oppure in ciotole sopra a riso bollito (kaisendon). In questo caso verificate che il riso sia semplicemente bollito e non arricchito di condimenti, che potrebbero avere glutine;

  • un'altra buona scelta per mangiare senza glutine in Giappone è lo yakiniku, il tipico barbecue giapponese. Ci sono molto locali dedicati a questo genere di cucina, con griglie posizionate al centro di ogni tavolo. Si può scegliere tra diversi tagli di carne, a volte pesce o verdure. Fate attenzione a ordinare carne semplice, non marinata e a chiedere sale, pepe e olio come condimento, non le salse che vengono offerte solitamente;

  • il sushi non sempre è idoneo, a volte il riso potrebbe essere condito con un acidulato contenente glutine. Provate a chiedere al ristorante, nel dubbio non fidatevi. Se viene usato wasabi industriale, specificate che non venga aggiunto ai vostri pezzi, perché è un prodotto a rischio;

  • il è un elemento sempre presente in Giappone, per lo più idoneo per i celiaci. I principali sono il sencha e il matcha, ma attenzione, soprattutto in estate può essere servito il mugicha, un infuso d'orzo, dal colore marrone e contenete glutine;

  • il sakè è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del riso, quindi di per sé idonea al consumo da parte dei celiaci; ne esistono però diversi tipi, in alcune versioni possono essere presenti anche ingredienti non idonei, utilizzati per aromatizzarlo;

In terra nipponica pochi sono i locali che segnalano esplicitamente di avere piatti senza glutine. Quelli che lo fanno sono abbastanza conosciuti tra chi si interessa di gluten free in Giappone e citati sul web. Noi siamo partiti già con questa piccola lista, che ci è stata poi confermata dalla preziosa assistenza di Gluten Free Tours Japan.

RAMEN SORANOIRO - Tokyo station, Ramen Street, Marunouchi, Chiyoda, Tokyo

All'interno della Tokyo Station si trova una grande area commerciale, all'interno della quale è possibile trovare una via interamente dedicata al ramen, quelle ciotole di brodo in cui vengono immersi noodles, verdure, uova e molto altro. Questo locale offre anche una versione senza glutine di questo famoso piatto giapponese, con spaghetti di riso integrale. All'ingresso c'è un display dove ordinare e pagare la propria cena, poi ci si potrà sedere con il proprio numero, in attesa di una bella ciotola fumante.

TEUCHI TORU SOBA - 35-1 Matsuya-cho, Nijo-dori Higashinotoin-higashi-iru, Nakagyo-ku, Kyoto

Piccolissimo locale in stile giapponese, dove c’è un unico cuoco che cucina da solo davanti ai clienti, offrendo piatti a base di soba, i tipici spaghetti di grano saraceno. Nella sua cucina c'è la completa assenza di glutine e tutto è preparato direttamente da lui ogni mattina, con sola farina di grano saraceno. Anche il thè che viene servito durante il pasto è a base di grano saraceno.

OKU-NO-NIWA - 31 Sagatenryuji Tsukurimichicho, Ukyo Ward, Kyoto

Locale nella zona di Arashiyama, dove servono cucina tipica giapponese. Vengono proposti menu già precomposti, serviti su un vassoio in cui sono presenti tanti piattini con pietanze diverse, come da tradizione. Nel menù è presente un’opzione senza glutine, composta da verdure in tempura, tofu, riso, una crocchetta di granchio, salmone, verdure ed una zuppa di miso.

GLUTEN FREE IS THE NEW BLACK - 11-43 Shibatsujicho, City Homes 114, Nara 

Piccolo locale a Nara, a 5 minuti a piedi dal parco. Tutti i prodotti che offre sono senza glutine, con diverse scelte dolci e salate. Si può consumare seduti ad uno dei tavolini del locale o acquistare da asporto.

Tra le proposte che abbiamo trovato disponibili, c'erano quiche di verdura, sandwich con varie farciture, lamington, crostare di vario genere, muffin, biscotti. 

NAKATANIDOU - 29 Hashimoto-cho, Nara-shi, Nara

Bancarella del mercato di Nara, che vende esclusivamente mochi al tè matcha ripieni di anko, la tipica marmellata di fagioli azuki. Questi dolci sono molto famosi e diffusi in Giappone, il loro gusto è particolare e a noi sono piaciuti tanto. Qui vengono prodotti artigianalmente con ingredienti senza glutine.

HOKUSHO-AN - Kyuumaruichigotousyouten, 1-6-27, Ironai, Otaru

Piccolo locale nel centro di Otaru, famosa cittadina nell'isola di Hokkaido, non lontana da Sapporo.

Il menù propone vari tipi di soba, spaghetti realizzato con sola farina di grano saraceno, serviti in diversi modi. Si può ordinare inoltre una tempura preparata con farina di riso. Un mix davvero speciale e gustoso.

Come sempre, quando si viaggia senza glutine valgono i consigli della nostra guida.

A presto con il racconto del nostro viaggio in Giappone.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.