ARCHEOPARK: RIVIVERE LA PREISTORIA TRA LE MONTAGNE BRESCIANE

Il fascino della Preistoria e delle sue scoperte è racchiuso in questo parco interattivo, dove si può fare un salto indietro nel tempo e approdare nelle ere passate, per scoprire come si viveva a quell'epoca.

Si può trovare questo e molto altro all'Archeopark di Darfo Boario Terme, in provincia di Brescia, in Valcamonica, una terra strettamente legata alle testimonianze delle popolazioni primitive. Abbiamo già raccontato la nostra esperienza al Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Capo di Ponte, eccoci ora ad esplorare un vero e proprio museo all'aperto, dove sono state ricostruite abitazioni tipiche dei vari periodi preistorici.

ARCHEOPARK

Il parco è immerso nella natura, ricco di prati e boschi, ed è diviso in diverse aree corrispondenti a vari periodi storici. La struttura è visitabile in autonomia, girando tra i percorsi segnalati da appositi cartelli.

ARCHEOPARK

Le testimonianze più antiche si possono trovare nella Grotta che attraversa la piccola montagna all'interno del parco, dove si possono ammirare diverse riproduzioni di pitture e incisioni rupestri. Le grotte, già nel periodo Paleolitico, più di 10.000 anni fa, costituivano per l’uomo un luogo di culto in cui dipingere e graffiare le figure degli animali che cacciava. 

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Fuori dalla Grotta è possibile osservare la ricostruzione di un Riparo Mesolitico, risalente al periodo che va da 13.000 a 7.500 anni fa, costruito da nomadi cacciatori, che che risalivano dalla pianura e dalle colline in fondo al lago di Iseo, con migrazioni stagionali.

Spesso usufruivano di ripari naturali, come quello qui ricostruito, con pelli e graticci di legno, materiali facilmente reperibili, che potevano essere smontati e rimontati in brevissimo tempo, per permettere ai cacciatori di seguire gli spostamenti degli animali.

ARCHEOPARK

Poco lontano si può visitare la Fattoria Neolitica, che riproduce le abitazioni e la vita dell'uomo di oltre 5.000 anni, con attrezzi da lavoro usati per l’agricoltura, un focolare e la ricostruzione di un uomo preistorico di 5000 anni fa, ritrovato mummificato tra i ghiacciai della Val Senales.

Qui inoltre si allevano pecore, capre, animali da cortile e si coltivano lino e cereali, come facevano i primi agricoltori.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Il nostro viaggio nella storia prosegue con la visita al Villaggio Palafittico, costruito su un laghetto, rispettandone le caratteristiche dei villaggi di un tempo, dalla fine del Neolitico, nell'età del Rame e fino all'età del Bronzo, dal 4.000 a.C. 1.500 a.C.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

L'area è costituita da una serie di pali infissi nel fondo del lago, che sostengono il grande piano di tavole di legno su cui sono costruite le abitazioni. Il villaggio è visitabile, osservando da vicino i vari ambienti di lavoro e di vita di quel tempo.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Sulla riva del lago è possibile trovare delle piroghe in legno, che possono essere utilizzate per un giro su prenotazione.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Sulle verdi acque del laghetto è presente anche una piccola piattaforma mobile, che permette di passare da una sponda all'altra, con una fune tirata tra le due sponde e la forza delle braccia.

ARCHEOPARK

Percorrendo il sentiero che risale la collina, si raggiunge il Castelliere, un villaggio fortificato tipico dell'età dei metalli. 3.000 anni fa. Questa costruzione aveva lo scopo di difendersi dalle popolazioni che attraversavano di continuo la valle. Grazie a una palizzata tutta attorno, una torre d’avvistamento e delle solide costruzioni di pietra, il Castelliere diventava un luogo protetto e riparato, immerso nel bosco e costruito in zone strategiche su alture, per facilitare l’avvistamento del nemico da lontano.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Risalendo ancora un po' sulla collina, si incontra un pianoro con il Villaggio degli Artigiani, una serie di case di tronchi simili a quelle di 2.500 anni fa, dove è possibile osservare alcuni artigiani impegnati a lavorare con le antiche tecniche note ai nostri antenati.

ARCHEOPARK
IMG_4029 (Media)

Dopo un giro di esplorazione in autonomia, decidiamo di partecipare al tour guidato di 90 minuti, per scoprire aspetti della vita preistorica e curiosità sugli uomini primitivi e le loro abitudini. Le guide sono molto preparate e sanno coinvolgere al meglio i bambini. Durante la giornata ci sono diverse visite guidate, chiedete gli orari in biglietteria all'arrivo.

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

Durante il tour è prevista anche una prova di tiro con l'arco: con arco e frecce in legno, è il momento di cacciare la propria preda nel bosco... ma niente paura, si tratta solo di sagome in legno di cervi e altri animali!

ARCHEOPARK

Nel pomeriggio vengono organizzati laboratori di archeologia preistorica, alcuni gratuiti e altri al costo di 1 euro a bambino, senza obbligo di prenotazione. Le proposte sono molte e varie, dalla lavorazione della creta e del rame, all'accensione di un fuoco, alla riproduzione di incisioni preistoriche, all'utilizzo del trapano a volano... c'è davvero da divertirsi!

ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK
ARCHEOPARK

All'interno del parco c'è inoltre un'area pic nic con accanto un parco giochi, per un momento di relax e pausa tra una visita e l'altra. Ci sono anche un bar e un ristorante, situati nell'edificio principale vicino all'ingresso.

ARCHEOPARK

L'Archeopark è una bella esperienza per tutta la famiglia, l'età migliore per esplorarlo è probabilmente la fascia 6-10 anni, ma le attività proposte sono adatte anche a bambini più piccoli o un po' più grandi.

Il parco è facilmente visitabile anche con passeggini.

Archeopark si trova in località Gattaro a Boario Terme (Bs). Il parco è aperto da marzo a novembre, con orari differenti a seconda del periodo (consultare il sito ufficiale per i dettagli). 

L'ingresso è a pagamento, con promozioni per famiglie.

ARCHEOPARK

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.