"IL MIO LUOGO DEL CUORE IN 6 MOSSE" - LEOMAMMA E BARCELLONA
10 ottobre 2018

Dopo la pausa estiva, riprende la nostra rubrica dove i blogger ci raccontano il luogo nel mondo che li ha colpiti di più, presentandolo in "6 mosse", cioè le 6 caratteristiche salienti che lo rendono speciale.

 

Oggi ospitiamo Denise, del blog "Leomamma".

Il mio luogo del cuore l'ho visitato 6 volte, in diversi anni e contesti, sempre per brevi periodi tranne l'ultima volta. Due anni fa infatti arrivavo qui in Spagna, a Barcellona, con la macchina carica di scatoloni e un mix di emozioni fortissime, un bimbo di pochi mesi e un compagno con una proposta lavorativa super interessante.

Un bel cambio di vita che rifarei mille volte e che non è facile sintetizzare in 6 punti, ma giuro che ci provo. Prima però mi presento!

Mi chiamo Denise e sono una mamma a tempo pieno. Il mio piccolo si chiama Leo e grazie a lui è nato il mio blog! Una sorta di ricettario virtuale, dove scrivo le ricette che gli preparo e tanti altri piatti che vanno bene per tutta la famiglia. Scrivo anche dei nostri viaggi in famiglia e naturalmente racconto una Barcellona family friendly!

1. Gaudí, genio creativo modernista

Barcellona è conosciuta come la capitale del Modernismo ed il luogo dove ha vissuto il famoso architetto Antoni Gaudí. Egli fu uno dei più grandi innovatori del suo tempo e ci ha lasciato in eredità numerosi tesori da scoprire passeggiando per la città.

La cattedrale incompiuta della Sagrada Familia è uno dei più grandi esempi del suo lavoro. E' l'attrazione più visitata di tutta Spagna e attira migliaia di persone da ogni angolo del mondo.

Altre sue meraviglie sono il Park Güell, dichiarato patrimonio mondiale dell'UNESCO, Casa Milà (meglio conosciuta come La Pedrera), Casa Batlló, Palau Güell, Casa Vicens, i lampioni in Plaza Real e molto altro.

2. Attrazioni turistiche e musei

L’offerta culturale di Barcellona è così ampia che è davvero difficile annoiarsi. Ci sono musei e attrazioni turistiche per tutti i gusti, per chi ama gli animali, la natura, il mare, l’arte contemporanea, la storia, lo sport e molto altro ancora.

Moltissimi musei si possono visitare gratuitamente la prima domenica di ogni mese e tutte domeniche pomeriggio.

Tra i luoghi da non perdere: la Rambla e il suo fantastico mercato la Boqueria, lo spettacolo di luci e suoni della Fontana Magica, la Cattedrale e il quartiere gotico, il Tibidabo.

3. Parchi, giardini e piazze

La città nasconde bellissime aree verdi e tantissime piazze. Questi luoghi sono degli spazi magici dove ammirare monumenti e sculture, assistere ad eventi, o semplicemente prendersi un attimo di pausa e rilassarsi per qualche ora, fare un picnic, e tante altre attività divertenti.

Tra i nostri preferiti c'è il Parque de la Ciutadela, i suoi giardini nascondono un ricco patrimonio storico e culturale tutto da scoprire. Potete anche fare un giro in barca!

4. Mare e spiagge

Prima delle Olimpiadi del ’92 non esisteva la spiaggia a Barcellona, oggi invece la zona balneare si estende per una lunghezza di circa 5 km ed è costeggiata da un bellissimo viale di palme percorribile sia a piedi che in bicicletta.

Ci sono innumerevoli ristoranti e chiringuitos (bar in spiaggia) dove è possibile anche noleggiare lettino e ombrellone. La spiaggia è dotata di docce e lavapiedi gratuiti, aree gioco e palestre a cielo aperto, e una delle cose che mi piace di più, il servizio di “balneazione assistita” per le persone con invalidità motoria.

La spiaggia è fine, di color giallo paglierino e l'acqua è cristallina, soprattutto se ci si sposta dalla zona più turistica che è La Barceloneta.

Appena fuori Barcellona ci sono delle spiagge e delle calette favolose, facilmente raggiungibili sia in macchina che in treno.

5. Clima

Il clima di Barcellona è tipicamente mediterraneo. Le estati sono calde e gli inverni miti, sicuramente grazie alla sua posizione strategica tra mare e montagna.

Le temperature normalmente non scendono sotto gli 8-10 gradi nei mesi più freddi, che sono gennaio e febbraio, mentre la media in estate è di 25 gradi, con picchi di 28-30 nei mesi più caldi (luglio e agosto).

A Barcellona si sta bene tutto l’anno!

6. Tradizioni catalane

Adoro poter vivere in prima persona il clima che si respira in queste feste. Oltre che un momento di aggregazione e divertimento, sono soprattutto il simbolo di una forte cultura e di un estremo rispetto verso il passato.

Le tradizioni catalane sono moltissime, tra le più popolari ci sono: Sant Jordi, i Castellers, i Correfocs, la Diada Nacional, il Cagatió de Navidad, la Castañada, la Sardana, Sant Joan, la Calçotada e le Fiestas Mayores.

Imperdibili anche i piatti tipici: i pintxos di mille varietà, pan con tomate, calçots, escalivada, butifarra, fideuas, paella, patatas bravas, cioccolata e churros e crema catalana.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.