OVEL8624 (Grande)_edited.jpg
COSA FARE A FIRENZE: 10 SUGGERIMENTI (PIÙ UNO)

Una città che non ha bisogno di presentazioni, Firenze ha un fascino particolare che la rende davvero speciale.

Di piccole dimensioni, tranquilla e facile da girare a piedi, viene definita la “Culla del Rinascimento“, a lei vengono associati nomi illustri del passato, dal Brunelleschi a Michelangelo, da Lorenzo del Medici al Savonarola e in ogni angolo si respirano storia, arte e cultura.

Una meta perfetta per un weekend nel quale scoprire una serie di tappe imperdibili. Vi diamo dieci suggerimenti per assaporare l'atmosfera e la bellezza di Firenze, più una chicca finale per passare una serata speciale.

1. AMMIRARE PIAZZA DUOMO CON IL NASO ALL'INSÙ

Il centro cittadino per eccellenza, Piazza Duomo raccoglie alcune delle più grandi bellezze architettoniche della città. Primo fra tutti il Duomo, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, con la sua facciata in marmo bianco e verde che rapisce lo sguardo e la sua cupola che rapisce per la sua imponenza. Si tratta della quarta chiesa d’Europa per grandezza, dopo San Pietro a Roma, Saint Paul a Londra e il Duomo di Milano

Accanto al Duomo si trova il Campanile progettato da Giotto, alto oltre 80 metri e rivestito di marmi bianchi, rossi e verdi. 

Poco distante c'è anche il Battistero di San Giovanni, uno degli edifici più antichi di Firenze, a pianta ortogonale ed anch'esso rivestito di marmo bianco e verde.

PIAZZA DUOMO
PIAZZA DUOMO

2. SALIRE SULLA CUPOLA DEL BRUNELLESCHI: UNA FATICA BEN RIPAGATA

L'imponente Cupola della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, dalla caratteristica forma a uovo e costruita da Filippo Brunelleschi tra il 1420 e il 1436, è un'opera di alta ingegneria di quel tempo. Con il suo diametro di 45,5 metri e un’altezza totale di più di 116 metri, è la più grande volta in muratura del mondo e viene considerata il simbolo di Firenze e del Rinascimento in generale. 

CUPOLA DEL BRUNELLESCHI

Il modo per ammirare la cupola da vicino è salire i suoi 463 gradini, articolati in una serie di strette e ripide scale di pietra che portano nel cuore della struttura della volta, risalendola fino alla sommità.

SALITA ALLA CUPOLA DEL BRUNELLESCHI

La salita alla Cupola, permette, attraverso delle passerelle, di ammirare da vicino anche i bellissimi affreschi di Giorgio Vasari e Federico Zuccari: un grande Giudizio Universale realizzata tra il 1572 ed il 1579, il più grande dipinto murale del mondo.

CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI

Arrivati in cima, lo spettacolo ripaga della fatica: dalla lanterna della cupola si può ammirare un panorama a 360 gradi sulla città di Firenze.

La visita richiede circa 45 minuti e i biglietti sono prenotabili direttamente sul sito del Duomo di Firenze.

CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI
CUPOLA DEL BRUNELLESCHI

3. VISITARE IL MUSEO DI LEONARDO: ALLA SCOPERTA DI UN GENIO DEL PASSATO

Il Leonardo Interactive Museum  è un museo interattivo dedicato a Leonardo da Vinci, situato in Via dei Servi 66/r, nel cuore del centro storico e a pochi passi dal Duomo di Firenze.

Il museo presenta questo personaggio storico come ingegnere, architetto e scienziato, attraverso una ricca collezione di macchine e meccanismi interattivi, realizzati sulla base di quelli disegnati da Leonardo da Vinci nei suoi codici. Non solo prototipi statici, ma vere e proprie macchine costruite adottando principi meccanici studiati da Leonardo, che possono essere azionate per comprenderne il funzionamento.

LEONARDO INTERACTIVE MUSEUM
LEONARDO INTERACTIVE MUSEUM

Un museo adatto a tutti, anche ai bambini a partire dai 7-8 anni. La visita è realizzabile in autonomia o accompagnati da una guida, che in modo coinvolgente racconterà la vita, le opere e le scoperte di Leonardo da Vinci. Il biglietti d'ingresso e la visita guidata possono essere acquistati direttamente sul sito del museo.

LEONARDO INTERACTIVE MUSEUM
LEONARDO INTERACTIVE MUSEUM

4.VISITARE GLI UFFIZI: UNA PASSEGGIATA TRA I CAPOLAVORI DELL'ARTE

Una delle eccellenze di Firenze è la splendida Galleria degli Uffizi, tra i musei più famosi e apprezzati al mondo. Un edificio a due piani, costruito su progetto di Giorgio Vasari, dove sono custoditi alcuni dei capolavori dell’arte, creati da artisti come Michelangelo, Leonardo, Caravaggio, Raffaello.

I biglietti d'ingresso sono prenotabili direttamente sul sito del museo.

GALLERIA DEGLI UFFIZI

5. PASSAEGGIARE PER PIAZZA DELLA SIGNORIA E VISITARE PALAZZO VECCHIO

Piazza della Signoria è la zona della città che, sin dal Medioevo, ne ha rappresentato il cuore politico. Racchiude alcuni dei più noti edifici di Firenze, primo fra tutti Palazzo Vecchio, considerato il miglior esempio di architettura civile trecentesca del mondo. Dall'imponente palazzo svetta la Torre di Arnolfo, alta 94 metri, con in cima la bandiera con il giglio fiorentino.

PALAZZO VECCHIO
PALAZZO VECCHIO

Una parte di Palazzo Vecchio è visitabile, con un percorso su più piani tra le sue sale storiche, ricche di opere d'arte di inestimabile bellezza. Il più imponente è il Salone dei Cinquecento, uno dei più grandi e preziosi saloni d’Italia, situato al primo piano. Gli splendidi affreschi alle pareti descrivono le battaglie ed i successi militari di Firenze su Pisa e Siena. Il soffitto è realizzato con 39 pannelli costruiti e dipinti dal Vasari.

I biglietti d'ingresso sono prenotabili direttamente sul sito del museo.

PALAZZO VECCHIO
PALAZZO VECCHIO

6. STROFINARE IL NASO AL "PORCELLINO"

La Fontana del Porcellino è situata a margine della loggia del Mercato Nuovo, nell'omonima piazza situata tra Piazza della Signoria e Ponte Vecchio. La tradizione popolare vuole che toccare il naso del Porcellino (in realtà un cinghiale) porti fortuna, ma in pochi conoscono il rituale completo: con una mano si accarezza il naso della statua, con l'altra si posa una moneta all’interno della bocca aperta dell’animale, per poi lasciarla cadere. Solo se la moneta passerà attraverso la grata sottostante, arriverà la fortuna.

FONTANA DEL PORCELLINO
FONTANA DEL PORCELLINO

7. AMMIRARE PONTE VECCHIO, UNO DEI SIMBOLI DI FIRENZE

Il ponte più bello di Firenze e uno dei più fotografati del mondo, Ponte Vecchio è un altro dei simboli di Firenze. Costruito nel 1345, attraversa l’Arno e ospita piccole botteghe orafe, sormontate dal Corridoio Vasariano, lungo circa un chilometro e voluto dai Medici per potersi spostare in sicurezza tra Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti.

PONTE VECCHIO
PONTE VECCHIO
PONTE VECCHIO
PONTE VECCHIO

8. PASSEGGIARE PER IL GIARDINO DI BOBOLI

Il Giardino di Boboli è un parco storico della città di Firenze, situato Oltrarno e adiacente a Palazzo Pittiimportante complesso museale con dipinti, sculture e oggetti d’arte. 

Questo parco è uno dei più importanti esempi di giardino all'italiana al mondo, molto curato e ricco di sculture. Un luogo perfetto per una rilassante passeggiata e per trascorrere un po' di tempo in mezzo al verde.

GIARDINO DI BOBOLI
GIARDINO DI BOBOLI
GIARDINO DI BOBOLI
GIARDINO DI BOBOLI

9. AMMIRARE IL MIGLIOR PANORAMA DI FIRENZE DA PIAZZALE MICHELANGELO

Piazzale Michelangelo rappresenta il più famoso punto di osservazione del panorama su Firenze. Considerato il balcone della città, è un luogo Oltrarno dal quale, in un unico colpo d'occhio, si possono ammirare il Duomo, il Palazzo Vecchio, gli Uffizi, il fiume Arno con Ponte Vecchio.

PIAZZALE MICHELANGELO
PIAZZALE MICHELANGELO

10. ASSAGGIARE LE SPECIALITÀ DELLA CUCINA LOCALE

Non si possono scoprire appieno la storia e la cultura della città di Firenze senza passare dalla sua cucina tipica. Piatti rustici, fatti di ingredienti della tradizione popolare, saporiti e gustosi. Prima fra tutte la Fiorentina, la regina della tavola in queste zone: una grande bistecca ottenuta dal taglio dalla lombata del vitellone di razza chianina, dal peso di circa 1 chilo e mezzo, cotta alla griglia e servita rigorosamente al sangue.

SPECIALITÀ DELLA CUCINA LOCALE
SPECIALITÀ DELLA CUCINA LOCALE
SPECIALITÀ DELLA CUCINA LOCALE
SPECIALITÀ DELLA CUCINA LOCALE

Ma anche il lampredotto, la gustosissima trippa servita al piatto o nel pane come street food. E ancora la pappa al pomodoro, a base di pane e pomodoro, e la ribollita, la zuppa di pane e verdure, così chiamata perché viene fatta bollire per ben due volte. Per concludere poi con lo zuccotto fiorentino, una cupola di pan di spagna ripiena di crema di ricotta, o con i cantucci, biscotti secchi nativi della vicina Prato, ma entrati a far parte anche della tradizione fiorentina, serviti con il vin santo.

Questi sono solo alcuni esempi della ricca proposta culinaria di Firenze. Moliti i ristoranti tipici, molte le proposte per tutti i palati e tutte le tasche. Diverse anche le opzioni gluten free in questa città. Qui i nostri suggerimenti per mangiare senza glutine a Firenze.

10+1. ASSAPORARE UNA CENA RAFFINATA SUI TETTI DELLA CITTÀ

Se volete vivere l'esperienza speciale di cenare a lume di candela sui tetti della città, ammirando uno stupendo panorama sulla città di Firenze, a due passi dall'imponente Cupola del Brunelleschi, vi consigliamo una serata al ristorante B-Roof

Questo elegante locale si trova all'ultimo piano del Grand Hotel Baglioni, un ambiente tranquillo e raffinato, che nel periodo estivo dispone anche di un'ampia terrazza esterna. Ristorante e cocktail bar, ha un menù ampio e raffinato, con una serie di piatti saporiti, innovativi ma legati ai sapori e agli ingredienti tradizionali. Diverse anche le proposte gluten free. Qui i nostri suggerimenti per mangiare senza glutine a Firenze.

RISTORANTE B-ROOF
RISTORANTE B-ROOF
RISTORANTE B-ROOF
RISTORANTE B-ROOF
RISTORANTE B-ROOF

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

FIRENZE SENZA GLUTINE
FIRENZE SENZA GLUTINE
press to zoom
CHIANCIANO TERME: MUSEO ETRUSCO
CHIANCIANO TERME: MUSEO ETRUSCO
press to zoom
CHIANCIANO TERME: PISCINE TERMALI THEIA
CHIANCIANO TERME: PISCINE TERMALI THEIA
press to zoom

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.