SEYCHELLES PER 3 - ISOLA DI PRASLIN - aprile 2017

SCOPRI QUI INFO E SUGGERIMENTI SULLE SEYCHELLES

26/4
Lasciamo l'isola di Mahè (QUI IL NOSTRO RACCONTO DI VIAGGIO A MAHE') a bordo di un piccolo twin otter e dopo circa 20 minuti atterriamo sull'isola di Praslin. L'aeroporto è davvero minuscolo e quasi vuoto. Ritiriamo in un attimo i bagagli e ci spostiamo all'esterno, dove incontriamo anche questa volta un addetto dell'autonoleggio pronto a consegnarci le chiavi della nostra auto.

Partiamo subito e in 10 minuti raggiungiamo il nostro resort, il Consance Lemuria.
Già all'entrata il resort si presenta molto grande e curato; costeggiamo il campo da golf a 18 buche e dopo poco raggiungiamo il cottage del ricevimento.

Un addetto ritira la nostra auto e veniamo condotti all'ingresso vero e proprio del resort. L'entrata è ad effetto, la persona che ci accompagna suona il gong e, come per magia, il grande portone si apre, svelandoci una vista davvero spettacolare sulle piscine, l'imponente scalinata e il mare più in fondo.

Il resort è davvero spettacolare, con svariati comfort e servizi per tutte le esigenze. Ci sono diversi ristoranti e bar, la spa, il mini club con programma di attività giornaliere.

La consegna della camera è prevista per le ore 14. Allora ci mettiamo i costumi e ne approfittiamo per esplorare le due spiagge principali del resort:

- Petit Anse Kerlan, una spiaggia tranquilla, con una piccola isola appena davanti, le classiche formazioni rocciose e vegetazione rigogliosa. Il mare è di solito tranquillo e adatto per nuotare e fare snorkling. Direttamente sulla spiaggia ci sono un bar/ristorante e un centro per diving ed escursioni in barca.

La spiaggia è prevalentemente frequentata dagli ospiti del resort, ma accessibile anche dagli esterni.

Anse Kerlan, spiaggia lunga e ampia, soprattutto con la bassa marea. Gode di una bellissima vista sulle isole di Cousin e Cousine. Il mare è abbastanza profondo e possono esserci forti correnti e onde alte. Poco adatta quindi per nuotare, ma perfetta per una passeggiata o un po' di relax.

Dopo un bagno, un po' di relax e un pranzo sulla spiaggia (QUI tutte le indicazioni per mangiare gluten free a Praslin), alle 14 ci consegnano le chiavi della camera, che si trova in uno dei complessi a due piani davanti ad Anse Kerlan. E' molto spaziosa, con un bel balcone e tutti i comfort.

Dopo esserci sistemati nella nostra nuova camera, prendiamo la club car per Anse Georgette, un'altra delle spiagge del resort, un po' più lontana dal centro del resort e visitabile anche da chi non alloggia al Lemuria.

Percorriamo una stradina che attraversa il campo da golf e che ci ricorda tanto le montagne russe e dopo 10 minuti circa arriviamo alla spiaggia.

Lo spettacolo che ci troviamo davanti è davvero bello: sabbia bianca, mare turchese, rocce granitiche, poca gente... ma la sorpresa più grande è la possibilità di assistere alla nascita di tante piccole tartarughe, che proprio in quel momento escono dalle loro uova e raggiungono il mare. E' davvero uno spettacolo indescrivibile che ci porteremo sempre nel cuore.

Dopo questo momento indimenticabile, ci godiamo la pace del luogo.

 

Prima di cena, immancabile è l'aperitivo in piscina, direttamente immersi in acqua, sorseggiando un cocktail e ammirando i colori del tramonto.

27/4
La mattina il cielo è un po' coperto e decidiamo di fare l'escursione alla Valle de Mai, una riserva naturale dove cresce il Coco de Mer, la palma con la più grande noce del mondo, con la caratteristica forma che ricorda il ventre femminile. Questo luogo è diventato patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1983.

Troviamo una guida italiana che ci accompagna all'interno della foresta, raccontando aneddoti e fornendoci interessanti informazioni relative al coco de mer e alla flora e fauna locale. I tour dura quasi 2 ore e soprattutto Lorenzo apprezza davvero tanto l'esperienza.

Partiamo poi per Anse Lazio, che si trova nella parte nord dell'isola.

In prossimità della spiaggia c'è un ampio parcheggio per le auto e in un attimo si arriva a destinazione.

E' considerata una delle spiagge più belle del mondo e non stentiamo a crederlo! Con la bassa marea è ampia, lunga e tranquilla; nonostante la sua fama non è per niente affollata. Il mare è un po' mosso, ma questo fa la felicità di Lorenzo, che adora tuffarsi tra le onde!

Mangiamo sulla spiaggia (QUI tutte le indicazioni per mangiare gluten free a Praslin) e poi restiamo li per qualche ora, tra sole onde e relax.

Dopo qualche ora ci rimettiamo in auto per tornare verso il nostro resort... con una serie di soste foto e per ammirare i meravigliosi panorami che incontriamo sulla strada.

28/4
Ci svegliamo con calma, oggi abbiamo in programma una giornata di relax in resort.
Io e Lorenzo passiamo la mattinata sulla spiaggia di Petite Anse Kerlain, tra onde, body surf e sole. Alessio invece esce per un'immersione organizzata dal centro diving.
Dopo un pranzo sulla spiaggia (QUI tutte le indicazioni per mangiare gluten free a Praslin), il pomeriggio passa tranquillo e assistiamo ad un'alta marea davvero impressionante, con onde molto alte e acqua che arriva fino al ristorante sulla spiaggia.

29/4
Oggi si parte per una gita a La Digue.
Raggiungiamo in auto Baie St Anne, dove acquistiamo i biglietti di andata e ritorno (ci viene chiesto di fissare già un orario preciso per il nostro rientro).

Prendiamo poi il traghetto e in 15 minuti raggiungiamo l'isola.
Affittiamo 3 biciclette in uno dei tanti noleggi che si trovano appena sbarcati sull'isola, poi partiamo subito verso sud, per raggiungere il parco di L’Union Estate, dove si paga un biglietto di ingresso giornaliero.

Prima tappa un grande recinto dove, tra piante e pietre granitiche, vivono diverse tartarughe di terra.

Attraversando poi le coltivazioni di vaniglia raggiungiamo Anse Sours d'Argent

E' una spiaggia di una bellezza indescrivibile, unica nel suo genere.

Le imponenti rocce granitiche creano un paesaggio da cartolina. Con la bassa marea l'acqua è calma e poco profonda ed è possibile passeggiare tra le rocce.

Dopo una passeggiata, un bagno è un po' di sole, pranziamo al chiosco sulla spiaggia (QUI le indicazioni per mangiare gluten free a La Digue), che cucina piatti tipici creoli.

Al ritorno ci fermiamo in una galleria d'arte all'interno di L’Union Estate per acquistare un quadro da aggiungere alla nostra piccola collezione di "dipinti di viaggio", poi ci spostiamo a nord per raggiungere Anse Severe, bella e lunga spiaggia sabbiosa, con una bella vista sull'isola di Praslin e dove si può ammirare un bel tramonto... purtroppo il tempo nuvoloso ci impedisce questo!

Torniamo al molo, riconsegniamo le bici e beviamo qualcosa in uno dei baretti del porto, prima di prendere il traghetto per il ritorno.

30/4

In mattinata decidiamo di fare una bella passeggiata attraverso il campo da golf, fino ad Anse Georgette (che finalmente vediamo con un bel sole) e alla buca 15, da dove si può ammirare un fantastico panorama.

Ci concediamo un ultimo bagno in mare e dopo pranzo di dirigiamo in aeroporto per il volo di ritorno.

Ancora un volo interno con Air Seychelles e poi l'intercontinentale con Qatar Airways. 

Abbiamo uno scalo lungo (14 ore di notte) a Doha. Scegliamo quindi di pernottare nel The Airport Hotel, scelta azzeccata, che ci permette di riposarci e ricaricarci per affrontare l'ultima parte del viaggio di ritorno.

1/5
Dopo una bella dormita e un giro tra i negozi dell'aeroporto, ripartiamo nel primo pomeriggio e arriviamo a Malpensa in serata.

Se ti sei perso la prima parte del nostro viaggio, la trovi qui: SEYCHELLES PER 3 - ISOLA DI MAHE' - aprile 2017

SCOPRI QUI INFO E SUGGERIMENTI SULLE SEYCHELLES

Se ti interessa sapere come si mangia gluten-free alle Seychelles, clicca QUI

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.