UN VIAGGIO IN COSTA RICA IN FAMIGLIA - IL VULCANO ARENAL

Continua il racconto del nostro bellissimo viaggio in Costa Rica: dopo la prima tappa tra la natura selvaggia del Tortuguero National Park e la seconda tappa davanti alla maestosità del vulcano Poas, eccoci ad esplorare una nuova zona, quella attorno all'imponente vulcano Arenal, dove ci aspettano passeggiate nella natura e calde acque termali.

Alloggiamo per due notti all'Arenal Observatory Lodge, l'unico hotel situato all'interno del Parco Nazionale del vulcano Arenal. Costruito nel 1987 come stazione di ricerca scientifica per la Smithsonian Institution, è ora uno dei migliori resort della zona, immerso in un'area verde da 870 acri, tra foresta pluviale, giardini tropicali e pascoli.

L'hotel dispone di un ristorante, di un centro Spa, di una piscina e di una Jacuzzi.

QUI i nostri consigli mangiare senza glutine in Costa Rica, nella zona del Vulcano Arenal, di Monteverde e di Manuel Antonio.

La spettacolarità di questa sistemazione è la vista ravvicinata sul vulcano Arenal, che è rimasto dormiente fino agli anni '60, tanto che gli abitanti della zona lo credevano un'innocua montagna. Ma il 29 luglio 1968 eruttò violentemente e distrusse tre villaggi. Da quel momento iniziò ad attirare sempre più curiosi, desiderosi di ammirare il vulcano e la sua attività. Nel 2010 l’Arenal s’addormentò di nuovo, ma non perse la sua fama di importante meta turistica grazie alla bellezza della massiccia formazione rocciosa e della natura circostante.

Dall'Arenal Observatory Lodge si può ammirare in posizione privilegiata il vulcano, quando non è coperto dalle nuvole (cosa che purtroppo succede spesso). Si può osservare anche una bellissima vista sulla vallata e sul lago Arenal poco lontano. Da questo punto partono anche diverse passeggiate nella natura per ammirare la zona, ma è vietato scalare la montagna e arrivare al cratere.

Il resort organizza dei tour gratuiti all'interno della natura incontaminata del suo enorme parco privato, collocato proprio all'interno del Parque Nacional Volcan Arenal. Insieme ad una guida ci si addentra nella foresta, per ammirare le sue bellezze e i numerosi animali che la popolano. Non mancano ranocchie di ogni tipo, come la bellissima raganella dagli occhi rossi, uno dei simboli del Costa Rica, che riusciamo ad ammirare da una distanza davvero ravvicinata.

Numerose sono anche le specie di uccelli presenti, primi fra tutti i bellissimi tucani colorati, che con un po' di fortuna ed un occhio allenato, si possono in scorgere sui rami degli alberi più alti.

Non è difficile incontrare gruppi di coati, roditori tipici dell'America Centro-Meridionale, che corrono qua e là, arrampicandosi sugli alberi e correndo tra la vegetazione.

Dopo quasi un'ora di cammino guidato nella vegetazione, imbocchiamo un sentiero più stretto e scosceso, che ci porta ad ammirare questa piccola cascata, un luogo raccolto e molto suggestivo.

Giusto il tempo di qualche foto e ripartiamo subito. Qui sono molti i sentieri che si possono percorrere, tra cui il più famoso, ma anche il più lungo ed impegnativo, è quello che raggiunge il lago sopra il Cerro Chato (fratello minore dell’Arenal), a 1100 metri di altitudine. 

Proseguiamo camminando attraverso i campi e i pascoli del parco privato dell'Arenal Observatory Lodge, fino ad arrivare in una zona ampia, da cui si può ammirare il vulcano in tutta la sua maestosità... se non fosse per le nuvole che ne coprono spesso la sommità.

Ci imbattiamo in un hotel "speciale": l'Insect Hotel. Si tratta di una piccola struttura costruita con legno, tegole e corteccia, dedicata ad ospitare i piccoli insetti che lì si vorranno insediare. Un'idea simpatica, che fa capire il legame stretto tra il Costa Rica e la sua ambiente naturale.

Dopo una mattinata dedicata alla natura, il pomeriggio ci aspetta un tuffo nelle calde acque termali.

Diverse sono nella zona le strutture che offrono l'accesso a piscine termali, oltre ad alcune aree gratuite, lungo i fiumi, dove è possibile trovare pozze di acqua calda.

Noi scegliamo le Baldi Hot Springs, un centro termale per tutta la famiglia, con 25 piscine calde, alcune con scivoli per i piccoli. 

Appena entrati si potrebbe rimanere stupiti dalle prime piscine, con pool bar, musica e schermi video, ben lontani dal concetto di relax termale, ma basta allontanarsi un po' da quest'area per trovare delle vasche decisamente più tranquille.

L'acqua presente in questo parco termale sgorga direttamente dalla sorgente e i minerali in essa contenuti offrono benefici al corpo, aumentando la circolazione sanguigna ed eliminando le tossine attraverso l'ossigenazione.

Lungo il percorso termale si susseguono piscine, grotte, cascate di vario genere e temperatura, per soddisfare le esigenze di ciascuno. Per chi cerca un po' di adrenalina, sono disponibili anche alcuni alti scivoli, per un tuffo a tutta velocità nelle calde acque.

I bambini hanno la possibilità di accedere a tutte le aree del parco termale, con l'aggiunta di un'area a loro dedicata, dove potranno divertirsi giocando e utilizzando gli scivoli d'acqua fresca all'interno di una piscina speciale. 

Il giorno della nostra partenza per Monteverde, la tappa successiva del nostro viaggio in Costa Rica, dopo aver costeggiato il grande lago Arenal, facciamo tappa sulla strada alle Viento Fresco Waterfalls. Queste 4 bellissime cascate si trovano a 11 km dalla città di Tilaran e sono all'incirca a metà strada tra La Fortuna e Monteverde, a circa 1 ora e 30 minuti da entrambe.

Sulla strada principale, la Route 145, è presente un piccolo edificio, dove si trovano l'ufficio dedicato alle cascate e un piccolo ristorante. Dopo aver pagato un biglietto d'ingresso, verrà consegnata una mappa e sarà possibile guidare lungo la strada sterrata che porta alla partenza del sentiero per le cascate. 

Il percorso è composto da una serie di gradini e sentieri che conducono attraverso la foresta alle diverse cascate. L'escursione è breve, ma abbastanza faticosa e richiede circa 2 ore per percorrere con calma tutto il tragitto.

Non ci vuole molto per raggiungere la prima cascata, la Serena River Waterfall, alta 31 metri, con una bella piscina sul fondo. Continuando lungo il sentiero, si incontra un piccolo Belvedere, dove ci si può sedere per un break e per ammirare la splendida vista sulle montagne e su una delle cascate in lontananza.

Dal Belvedere, un breve sentiero separato conduce alla Hidden Waterfall, alta 20 metri.
Si prosegue poi verso la Rainbow Waterfall la cascata più alta della proprietà, con i suoi 75 metri. Qui si trova anche una pozza d'acqua più grande, dove è possibile fare il bagno.

L'ultima cascata è la Slide Waterfall, a dieci minuti dalla precedente. Alta 95 metri, scivola letteralmente lungo il fianco della montagna, creando diverse piscine poco profonde alla base.

Dopo aver ripercorso il sentiero per riprendere la nostra auto, proseguiamo il tragitto e raggiungiamo Monteverde nel pomeriggio, pronti ad esplorare una nuova zona del Costa Rica, un Paese davvero entusiasmante e ricco di attività speciali e indimenticabili.

A presto con una nuova tappa del nostro viaggio in Costa Rica.

QUI info e consigli per organizzare un viaggio in Costa Rica.

QUI il nostro itinerario di viaggio in Costa Rica.

QUI il racconto della nostra esperienza al Tortuguero National Park.

QUI i nostri consigli mangiare senza glutine in Costa Rica, nella zona di Tortuguero, Vulcano Poas e San Josè.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.