UN VIAGGIO IN NAMIBIA IN FAMIGLIA - Terza tappa: OPUWO ED EPUPA FALLS

Dopo la nostra prima tappa a Waterberg e la seconda tappa all'Etosha National Park, proseguiamo con il racconto del nostro viaggio e questa volta vi portiamo alla scoperta della regione del fiume Kunene, passando da Opuwo fino ad arrivare alle Epupa Falls, al confine con l'Angola. Si tratta forse della regione più selvaggia che abbiamo incontrato nel nostro viaggio, dove ci si trova davvero in mezzo al nulla, circondati solo da qualche baracca di fango, capre e strade polverose.

21/8 ETOSHA NATIONAL PARK - OPUWO (524 Km, 6,10 h)

Partiamo di prima mattina, dirigendoci verso l'Anderson Gate, porta di uscita del parco a sud ovest.

Oggi ci aspetta un lungo tragitto, senza tappe intermedie. La strada è abbastanza monotona e tutta asfaltata.

Più ci spostiamo verso nord e più il paesaggio si riempie di grosse formazioni granitiche molto pittoresche.

Per strada incontriamo davvero poche auto, ma numerosi sono i pastori con capre, mucche o asini e diverse sono le persone che si spostano a piedi, magari con una tanica d'acqua da riempire al pozzo più vicino. Spesso cercano di di attirare la nostra attenzione per ottenere un passaggio in auto.

Le case sono poche e si tratta sempre di baracche di fango e lamiera.

Arriviamo ad Opuwo nel pomeriggio. Si tratta di una cittadina di medie dimensioni, con negozi, benzinai, qualche casa e molte baracche.

Molte sono le donne delle tribù Herero e Himba che girano per le strade. Numerosi anche i venditori ambulanti che cercano di strappare qualche dollaro ai turisti in cambio di piccoli oggetti di artigianato. Non mancano infine i mendicanti (adulti, ma anche bambini) che cercano soldi, vestiti o taniche vuote per l'acqua.

Alloggiamo all'Opuwo Country Lodge, un resort in cima alla collina, un po' fuori dalla città.

Si tratta di una serie di costruzioni con diverse camere, più un edificio principale con reception, gift shop, ristorante, spa. 

C'è inoltre una terrazza con piscina, da cui si gode di una bellissima vista sulla valle sottostante e si può ammirare uno spettacolare tramonto.

Colazione e cena sono a buffet, con una scelta abbastanza ridotta di pietanze.

QUI puoi trovare i nostri suggerimenti per mangiare gluten free in Namibia.

La nostra camera è spaziosa e con tutti i comfort, anche se il letto aggiuntivo non è altro che un sottile materasso appoggiato direttamente per terra. C'è anche un terrazzo con una bella vista.

22/8 OPUWO - EPUPA FALLS (180 Km, 3 h)

Partiamo presto e ci spostiamo ancora più a nord, percorrendo una strada sterrata che dopo 3 ore buone ci porta finalmente alle spettacolari Epupa Falls, una serie di cascate del fiume Kunene.

Alloggiamo all'Epupa Camp, un campo tendato direttamente sulla sponda del fiume.

La struttura e la location ci entusiasmano fin da subito! E' davvero un posto rilassante e circondato da una natura spettacolare!

Il campo è piccolo, con una minuscola reception all'aperto, un bar/ristorante lungo il fiume e una piscina.

QUI puoi trovare i nostri suggerimenti per mangiare gluten free in Namibia.

Viene offerto un servizio gratuito di lavaggio indumenti, a mano con l'acqua fredda del fiume.

Con un piccolo ponte sospeso è possibile raggiungere anche l'isolotto davanti al campo, dove spesso un gruppo di dispettose e rumorose scimmiette gioca e si rincorre.

Il campo ha una decina di tende, ciascuna con annesso un bagno a cielo aperto in muratura. La nostra tenda è proprio vicina al fiume, con 3 letti e una piccola terrazza antistante. Lo spazio è minimo, ma la nostra sistemazione ci piace proprio! 

Il campo organizza un'uscita mattutina e una pomeridiana di rafting con gommoni da 2 e 6 persone. Decidiamo di partecipare, nella speranza soprattutto di avvistare qualche coccodrillo. Il giro è adatto anche ai bambini e non ci sono particolari pericoli. L'attività dura circa 2 ore e riusciamo anche a scorgere da lontano qualche piccolo coccodrillo addormentato sulle rocce.

Prima del tramonto ci dirigiamo nella zona panoramica delle cascate, dove l'acqua è circondata da rocce, baobab e palme. Facciamo un primo giro nella zona più in basso e vicina alle cascate, dove lo scroscio dell'acqua è quasi assordante.

Ci spostiamo verso l'alto, dove oltre alle cascate è possibile ammirare tutta l'area circostante, con il confine tra Namibia e Angola che viene disegnato dal letto del fiume. Questa zona è raggiungibile con un fuoristrada o con una piccola scalata della collina a piedi.

Restiamo un po' quassù ad ammirare il tramonto, poi scendiamo al campo quando inizia ad imbrunire.

La sera ci aspetta una cena a lume di candela sulla riva del fiume.

QUI puoi trovare i nostri suggerimenti per mangiare gluten free in Namibia.

 

23/8 EPUPA FALLS - OPUWO (180 Km, 3 h)

Prima di ripartire per Opuwo, decidiamo di visitare una tribù Himba insieme ad una guida, un ragazzo Himba che ci guida fino all'accampamento di uno dei greuppi della zona.

Andiamo prima (su consiglio della nostra guida) a fare acquisti per portare dei regali alla tribù: olio, zuppe liofilizzate, farina di mais, succhi di frutta. Una volta arrivati, ci presenta alle donne della tribù (gli uomini sono a far pascolare il gregge) e ci sentiamo accolti da queste persone, che ci sorridono, ci salutano nella loro lingua e le donne più anziane ci stringono la mano.

La tribù è composta dal marito, dalle 5 mogli e da un numero molto grande di bambini e ragazzi di tutte le età.

La nostra guida ci spiega come sono strutturati la famiglia e l'accampamento, come vivono e le loro tradizioni; poi una delle mogli ci fa entrare nella sua capanna e ci mostra una serie di oggetti, mentre la guida ci spiega l'utilizzo e le consuetudini legate ad essi.

Alla fine ci mostrano una serie di manufatti che loro realizzano per venderli ai turisti e si riuniscono tutti per salutarci.

I bambini sono sorridenti, giocano e ci osservano, ma senza chiedere nulla.

Ogni moglie ha la sua capanna e il suo fuoco e sta cucinando il pranzo. In un angolo ci sono dei secchi d'acqua, dove vanno con un bicchiere per bere quando ne hanno voglia. Il pozzo più vicino è a 1,5 Km.

Dobbiamo ammettere che eravamo scettici sulla visita ad un villaggio Himba, non volevamo cadere nel "fenomeno da baraccone" (come in passato con le donne giraffa in Thailandia)... invece è stata davvero una bellissima esperienza da cui abbiamo imparato tanto, sia noi adulti che Lorenzo, che guardava interessato e incuriosito i bambini della tribù. Lui non è un chiacchierone e non ha voluto parlarne molto, ma credo proprio che questa esperienza lo abbia colpito e arricchito.

Dopo questa avventura, ripartiamo per tornare ad Opuwo.

Qui info e consigli per organizzare un viaggio in Namibia.

QUI trovi la nostra esperienza a Waterberg.

QUI trovi la nostra esperienza all'Etosha National Park.

QUI trovi la nostra esperienza nel Damaraland.

QUI trovi la nostra esperienza a Swakopmund e sulla costa atlantica.

QUI trovi la nostra esperienza a Sossusvlei.

QUI trovi la nostra esperienza nel Kalahari.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.