UN VIAGGIO IN NAMIBIA IN FAMIGLIA - Seconda tappa: ETOSHA NATIONAL PARK

Dopo la nostra prima tappa a Waterberg, proseguiamo con il racconto del nostro viaggio e questa volta vi portiamo alla scoperta dell'Etosha National Park

18/8 WATERBERG - ETOSHA EST (342 Km, 3,10 h)

Ci svegliamo presto presi dall'eccitazione di avvicinarci al parco dell'Etosha e poter andare ad esplorarlo in lungo e in largo. La strada dal Waterberg Plateau al Mokuti Lodge (che si trova appena fuori dal Von Lindequist Gate, porta di accesso orientale del parco dell'Etosha), è asfaltata e scorrevole e in poco più di tre ore raggiungiamo la nostra meta, non senza fare una sosta per la benzina e comprare il cibo che ci farà da pranzo. 

Il Mokuti Lodge è molto grande e le sue strutture sono in stile tipico africano con tetti molto spioventi rivestiti in paglia.

Appena effettuato il check-in, varcata la soglia del lodge, restiamo a bocca aperta: infatti a pochi passi da noi possiamo osservare differenti specie di antilopi che vagano nel giardino del resort libere intorno agli ospiti, oltre a un folto gruppo di manguste che non vedono l'ora di rubacchiare un po' di cibo che cade dal tavolo di qualche ospite.

In questo lodge colazione e cena sono a buffet nel ristorante principale, mentre per il pranzo è possibile richedere il lunch pack da portare con sè durante gli spostamenti e i game drive.

QUI puoi trovare i nostri suggerimenti per mangiare gluten free in Namibia.

La nostra camera è molto ampia, dispone di ogni comodità e si trova a dieci minuti a piedi dall'ingresso (per darvi l'idea delle dimensioni di questa sistemazione). 

Poco dopo il nostro arrivo, il lodge ha un game drive organizzato (a pagamento), con uno dei loro mezzi aperti e guida esperta nell'avvistamento animali. Decidiamo di partecipare per rilassarci e goderci il giro senza doverci spostare con la nostra auto.

Appena entrati nel parco, ancora sul pezzo di strada asfaltata che porta al Namutoni Lodge, incontriamo un gruppo di una decina di elefanti, cuccioli compresi, che ci attraversa timidamente la strada. L'emozione è indescrivibile. Sono animali bellissimi e davvero imponenti... vederli così da vicino è fantastico!

Il nostro giro continua con l'avvistamento di zebre, kudu, gnu, vari tipi di antilopi, giraffe.

Arriviamo ad una pozza dove un elefante arriva ad abbeverarsi tranquillo. La nostra guida ci segnala un leone che riposa poco lontano, tra le rocce.

E' quasi ora di rientrare, ma non prima di aver ammirato uno spettacolare tramonto. I colori si fanno più accesi e gli animali escono dalla vegetazione perché la temperatura è più bassa. Incontriamo ancora qualche giraffa tra gli arbusti, qualche sciacallo e un ghepardo che si riposa sotto gli alberi. 

Come primo giorno nel parco ci possiamo ritenere davvero soddisfatti!

19/8 ETOSHA EST - ETOSHA CENTRE (80 Km, 1,30 h)

Prima di proseguire il nostro viaggio, facciamo un giro nel rettilario del Mokuti Lodge, dove una guida ci mostra i più comuni serpenti e rettili della Namibia e ci racconta diverse curiosità su di loro.

Prendiamo poi la nostra auto e ci dirigiamo di nuovo all'interno del parco. Oggi ci aspetta un'intera giornata di game drive prima di arrivare nella parte centrale dell'Etosha.

Facciamo una prima tappa al Namutomi Camp per acquistare il pass per il parco e una cartina, molto utile perché indica, oltre alle strade, tutte le pozze d'acqua (dove la probabilità di avvistare gli animali è maggiore), le aree pic nic e bagni recintati.

Passiamo praticamente tutta la giornata in auto passando da una pozza all'altra, ma non ci pesa affatto perché lo spettacolo che abbiamo davanti a noi è davvero affascinante.

Riusciamo ad avvistare davvero un gran numero di animali. Primi fra tutti springbook, gnu e zebre, forse gli animali maggiormente presenti nel parco, insieme ad un gran numero di uccelli.

Non mancano anche oggi elefanti e giraffe...

...il nuovo avvistamento della giornata è invece un rinoceronte grigio, che passeggia tranquillo vicino a d una pozza.

All'interno del parco i lodge sono recintati e il cancello chiude al tramonto (ad agosto alle 17.40 circa), quindi è importante valutare i tempi e non attardarsi troppo. Noi arriviamo all'Halali Rest Camp circa mezz'ora prima della chiusura e ci viene assegnato uno chalet con soggiorno, bagno, camera e veranda con barbecue. Ci resteremo 2 notti.

Il camp è spartano, ma con tutto ciò che serve, anche una bella piscina.

La colazione è compresa, per il pranzo è possibile richiedere il lunch pack a pagamento e per la cena si può cucinare qualcosa sul barbecue dello chalet, acquistando legna e cibo nel piccolo negozio di alimentari, oppure c'è il ristorante a buffet, con poca scelta, ma con ottima carne alla griglia.

QUI puoi trovare i nostri suggerimenti per mangiare gluten free in Namibia.

Valore aggiunto di questo camp è la pozza d'acqua a pochi passi dalle camere. 

Ogni sera la pozza viene illuminata e da una zona soprelevata con panchine e gradini si può ammirare il viavai degli animali che vanno ad abbeverarsi. Tutte le persone stanno in silenzio, in attesa di un nuovo arrivo. A volte c'è da aspettare anche mezz'ora, ma poi ecco che dalla vegetazione spunta qualcosa, a volte un coyote, a volte un rinoceronte... una bellissima emozione! 

20/8 ETOSHA CENTRE

Oggi ci aspetta un'altra giornata di game drive, dove esploriamo la parte centrale ovest del parco.

Anche oggi gli avvistamenti non mancano. Oltre ad ammirare ancora con piacere gli animali già visti nei giorni precedenti, incontriamo degli iene, diversi struzzi e qualche facocero.

Ma l'incontro spettacolare di questa giornata è sicuramente una famiglia di leoni che dormono beatamente sotto a degli alberi, svegliandosi a turno quasi come se sapessero che siamo lì in attesa di fotografarli.

L'Etosha National Park ci ha conquistati. Incontrare così tanti animali liberi e a pochi passi da non è stata un'esperienza entusiasmante. 

E poi i paesaggi che ci si trova davanti sono qualcosa di spettacolare, con colori e atmosfere uniche.

Non nascondo che i game drive sono anche abbastanza faticosi. Si tratta di diverse ore in auto senza poter scendere a fare due passi. Non sempre ci sono animali da vedere, a volte si resta ad una pozza anche per mezz'ora in attesa di qualche avvistamento... ma poi quando ciò accade è davvero emozionante.

Lorenzo ha retto bene questa parte del viaggio. L'entusiasmo di vedere leoni, elefanti, zebre, giraffe... ha sicuramente messo in secondo piano la fatica del viaggio. Il suo passatempo nei momenti "morti" è stato quello di annotarsi su un quaderno tutti gli animali che vedeva ogni giorno, indicando il nome di ciascuno e rappresentandolo con un disegno.

A presto con un nuovo capitolo del nostro on the road in Namibia...

Qui info e consigli per organizzare un viaggio in Namibia.

QUI trovi la nostra esperienza a Waterberg.

QUI trovi la nostra esperienza alle Epupa Falls.

QUI trovi la nostra esperienza nel Damaraland.

QUI trovi la nostra esperienza a Swakopmund e sulla costa atlantica.

QUI trovi la nostra esperienza a Sossusvlei.

QUI trovi la nostra esperienza nel Kalahari.

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di NOICONLEVALIGIE.